Beyin Beach

Foto di Anthony Pappone ©

La magnifica regione costiera del Ghana è tra le principali attrattive che questo bellissimo paese dell’Africa occidentale offre. Ben 550 km di spiagge che si estendono dal confine con la Costa d’Avorio a quello con il Togo. Un litorale che alterna méte balneari movimentate e mondane, tratti di mare ideali per gli sport acquatici, o tranquilli angoli di paradiso dove rilassarsi al sole.

La costa è disseminata anche di antichi castelli coloniali, attorno ai quali si respirano la memorie della gloria e della vergogna del Ghana, il commercio dell’oro e quello degli schiavi.

Da Accra, la méta balneare più vicina, frequentata dai viaggiatori e dalla popolazione locale più rilassata, in fuga per qualche giorno dalla confusione della città, è rappresentata dal villaggio tradizionale di Kokrobite, ad appena 32 km dalla capitale. Immersi nella sua atmosfera informale, si possono alternare momenti di relax sulla bella spiaggia a corsi di percussioni.

Sulla spiaggia da agosto a marzo le splendide tartarughe liuto depongono le loro uova.

Sul tratto di costa che unisce Accra a Winneba si incontra su una piccola altura Fete, un piccolo villaggio di pescatori e a circa 5 km di distanza, a Senya Bereku, l’imponente Fort Good Hope, costruito dagli olandesi nel 1702. Inizialmente venne utilizzato per il commercio dell’oro, mentre nel 1715 venne ulteriormente ampliato per raccogliere gli schiavi in attesa di essere imbarcati per le Americhe. Oggi è stato restaurato e trasformato in guesthouse e la sua posizione su una scogliera gode di una vista meravigliosa sulla spiaggia.

Winneba, un tempo chiamata Simpa, è famosa soprattutto per il suo University College of Education (UCEW), considerato l’istituto più di livello nel campo dell’istruzione nell’Africa ovest, tanto da meritare l’appellativo di ‘Oxford del Ghana’. Winneba è il centro più grande sul litorale tra Accra e Cape Cost e la sua bella spiaggia orlata di palme, i suoi pescatori e pescherecci che animano i dintorni, la laguna nell’entroterra ricca di avifauna, ne fanno una  piacevole méta da visitare.

A 20 km da Winneba sorge il villaggio di Apam con le sue colorate imbarcazioni tradizionali e i bei panorami che si aprono dal Fort Patience, costruito dagli olandesi nel 1697 su un’altura che domina il villaggio e la baia. Accanto al porto vi è un grande posuban (santuario) a tre piani, che raffigura cavalieri osservati dall’alto da Gesù vestito di bianco.

Uno dei forti che vanta la posizione più suggestiva lungo la costa del Ghana è il Fort Amsterdam, chiamato anche Kormantin, costruito nel 1598 dagli olandesi e ricostruito nel 1645 dagli inglesi, che si trova nei pressi del villaggio di Abanze. La sua posizione sulla cima di un’altura e il suo aspetto in parte decadente, lo rendono uno dei più suggestivi.

Anomabu con le sue bellissime spiagge pullulate di resort, costituisce una delle méte preferite dai turisti. Eppure il suo fascino vero risiede nelle contraddizioni del luogo. Da una parte il confort delle strutture alberghiere sul litorale e dall’altra il villaggio tradizionale, con i suoi sette santuari e il suo famoso Okyir Festival, durante il quale la comunità si purifica dal maligno e si protegge dalla fame e dalle malattie.