In Etiopia vi sono numerose strutture ospedaliere e ambulatori, sia privati che pubblici. Ad Addis Abeba e nelle principali città si trovano molte farmacie moderne e ben fornite di prodotti per la cosmesi, integratori e medicine basilari. E’ sempre consigliabile stipulare una polizza assicurativa che copra le eventuali spese di assistenza privata o un rimpatrio di urgenza, anche se sicuramente non se ne usufruirà.

L’igiene è quella riscontrabile in buona parte del continente africano e le malattie più diffuse sono quelle tipiche dei paesi in via di sviluppo, anche se ricordiamo che sugli altipiani, dove il clima è mite, l’aria è decisamente più salubre.

Il vaccino contro la febbre gialla é obbligatorio solo per chi proviene di recente da paesi a rischio. A seconda della durata del soggiorno, per la tranquillità del viaggiatore, é possibile prevenire tramite vaccino e profilassi numerose malattie.

Inoltre, una volta sul posto, una buona forma di prevenzione é quella di adottare alcune semplici norme igieniche e comportamentali personali che saranno utili anche per evitare la dissenteria del viaggiatore, come lavarsi spesso le mani con acqua e sapone o salviette igienizzanti, bere solo acqua in bottiglia sigillata, evitare bevande con il ghiaccio, mangiare solo cibi ben cotti, dotarsi di spray repellenti contro gli insetti, usare abiti lunghi e dormire sotto le zanzariere, avere rapporti sessuali protetti. Tutte queste norme oltre che tutelare la salute del viaggiatore, ne fanno anche un viaggiatore responsabile.

Ricordiamo che la malaria falciparum, presente in misura relativamente ridotta in Etiopia e solo nelle zone più calde, si contrae tramite le punture delle zanzare Anophele e si manifesta generalmente con febbre alta e/o spossatezza, diarrea, nausea, dolori addominali e muscolari. Se non trattata tempestivamente, la malaria severa può anche causare la morte, pertanto è indispensabile per chi si trova sul posto o è rientrato di recente da un viaggio in Etiopia, effettuare delle analisi tempestive, al primo sintomo sospetto, anche se si è effettuata la profilassi antimalarica. Se diagnosticata tempestivamente e trattata adeguatamente, la guarigione è pressoché immediata e gli effetti collaterali secondari e passeggeri.