Tutto quello che c’e’ da sapere per viaggiare in sicurezza

 

Ultimo aggiornamento pagina: 03 Ottobre 2020

Nella situazione attuale i requisiti di ingresso per le varie destinazioni possono cambiare con breve preavviso. Si invitano pertanto i viaggiatori a consultare i siti ministeriali ufficiali per gli ultimi aggiornamenti.

banner-focus-covid-2020

Il DCPM del 7 settembre 2020 proroga fino al 7 ottobre 2020 la disciplina per spostamenti da/per l’estero gia’ contenuta nel DCPM dell’8 agosto 2020. Il nuovo DCPM, come il precedente, vieta i viaggi a scopo turistico in territorio extra UE, con la sola eccezione della Tunisia tra le nostre destinazioni. Resta in vigore una quarantena di 14 giorni per chi rientra in Italia da territori extra UE (compresa la Tunisia).

Link ufficiale: www.governo.it/it/articolo/proroga-delle-misure-di-contenimento-covid-19-il-dpcm-del-7-settembre-2020/15142

Restrizioni in vigore e situazione sanitaria

Algeria

Permane la chiusura temporanea di tutte le frontiere terrestri, aeree e marittime e la sospensione di tutti i voli internazionali e di tutti i collegamenti marittimi da e per l’Algeria, ad eccezione di quelli specialmente autorizzati.

Link ufficiale: www.viaggiaresicuri.it/country/DZA

Situazione sanitaria: https://covid19.who.int/region/afro/country/dz

 

Benin

Permane la limitazione dell’attraversamento delle frontiere terrestri solo ai casi di estrema necessità, restrizioni all’emissione di visti d’ingresso per il Benin, messa in quarantena sistematica ed obbligatoria di ogni persona in arrivo, tramite aereo.

Link ufficiale: www.viaggiaresicuri.it/country/BEN

Situazione sanitaria: https://covid19.who.int/region/afro/country/bj

 

Burkina Faso

Viaggi sospesi per ragioni di sicurezza.

 

Camerun

Sono autorizzati voli internazionali operati dalle maggiori compagnie aeree europee, che permettono l’entrata e l’uscita dal Paese, in presenza di un risultato negativo di un test COVID-19 effettuato nelle 72 ore prima della partenza. Si sottolinea che il risultato negativo del test COVID-19 è necessario anche per l’uscita dal Paese.

Link ufficiale: www.viaggiaresicuri.it/country/CMR

Situazione sanitaria: https://covid19.who.int/region/afro/country/cm

 

Capo Verde

Restano chiuse le frontiere e rimangono sospesi tutti i voli commerciali internazionali.

Link ufficiale: www.viaggiaresicuri.it/country/CPV

Situazione sanitaria: https://covid19.who.int/region/afro/country/cv

 

Ciad

Sono periodicamente autorizzati  voli internazionali operati dalle maggiori compagnie aeree europee, che permettono l’entrata e l’uscita dal Paese. Per entrare in Ciad è necessario presentare i risultati negativi di un test COVID-19. Le autorità ciadiane impongono un periodo variabile di quarantena all’ingresso nel Paese ed eventualmente l’obbligo di effettuare un secondo test COVID-19 in Ciad.

Link ufficiale: www.viaggiaresicuri.it/country/TCD

Situazione sanitaria: https://covid19.who.int/region/afro/country/td

 

Costa d’Avorio

Le autorità locali hanno disposto la riapertura delle frontiere aeree. I passeggeri in arrivo in Costa d’Avorio e in partenza dal Paese, prima di effettuare il viaggio, sono tenuti a registrarsi sul sito www.deplacement-aerien.gouv.ci, e dovranno essere muniti di certificato di negatività a test PCR da effettuarsi 72 ore prima del viaggio.

Link ufficiale: www.viaggiaresicuri.it/country/CIV

Situazione sanitaria: https://covid19.who.int/region/afro/country/ci

 

Egitto

Viaggi sospesi per ragioni commerciali.

 

Eritrea

I voli commerciali da e per l’Eritrea sono stati sospesi a partire dal 25 marzo scorso e perdura la chiusura dell’aeroporto di Asmara così come sono chiuse le frontiere terrestri e marittime.

Link ufficiale: www.viaggiaresicuri.it/country/ERI

Situazione sanitaria: https://covid19.who.int/region/afro/country/er

 

Eswatini

Viaggi sospesi per ragioni commerciali.

 

Etiopia

Con riferimento al traffico aereo, le autorità locali hanno disposto che tutti i passeggeri in arrivo in Etiopia debbano obbligatoriamente esibire il certificato di negatività al COVID-19 (PCR Sar-Cov) effettuato al massimo nei cinque giorni precedenti l’arrivo. Dopo l’espletamento delle procedure aeroportuali, è fatto obbligo a ciascun passeggero di osservare un periodo di quarantena di 7 giorni.

Link ufficiale: www.viaggiaresicuri.it/country/ETH

Situazione sanitaria: https://covid19.who.int/region/afro/country/et

 

Gabon

Viaggi sospesi per ragioni commerciali.

 

Gambia

Restano in vigore la sospensione di tutti i voli, introdotta a partire dal 24 marzo, e la chiusura della frontiera con il Senegal, fino a nuovo avviso.

Link ufficiale: www.viaggiaresicuri.it/country/GMB

Situazione sanitaria: https://covid19.who.int/region/afro/country/gm

 

Ghana

Le Autorità del Ghana hanno disposto la riapertura delle frontiere aeree del Paese a partire dal 1 settembre. Restano invece ancora chiuse fino a data da destinarsi le frontiere terrestri. I passeggeri in arrivo dovranno mostrare un test COVID-19 (PCR) negativo, effettuato non piu’ di 72 ore prima della partenza dal paese di origine. Presso l’aeroporto stesso, tutti i passeggeri saranno sottoposti ad un nuovo test COVID-19 obbligatorio, a loro spese, i cui risultati saranno disponibili in 30 minuti. Coloro che risultassero positivi verranno sottoposti a un’ulteriore valutazione clinica e al trattamento. Chi invece dovesse risultare negativo non dovrà effettuare il periodo di quarantena di 14 giorni.

Link ufficiale: www.viaggiaresicuri.it/country/GHA

Situazione sanitaria: https://covid19.who.int/region/afro/country/gh

 

Gibuti

Le autorita’ gibutine hanno annunciato la riapertura delle frontiere aeree, terrestri e marittime a decorrere dal 17 luglio. Con riferimento al traffico aereo passeggeri, e’ disposto che chiunque faccia ingresso nel territorio di Gibuti sara’ sottoposto ad un test obbligatorio di rilevamento del COVID-19 in aeroporto al costo di circa 30 USD. I passeggeri dovranno attendere presso lo scalo aeroportuale l’esito dell’esame, il quale dovrebbe essere consegnato direttamente all’interessato in circa 2 ore. In caso di esito negativo del test, la persona sara’ libera di circolare liberamente all’interno del territorio di Gibuti. In caso di esito positivo si verra’ invece trasferiti in una struttura di quarantena identificata dalle autorita’ gibutine per un periodo di 14 giorni a proprie spese.

Link ufficiale: www.viaggiaresicuri.it/country/DJI

Situazione sanitaria: https://covid19.who.int/region/emro/country/dj

 

Guinea

Viaggi sospesi per ragioni commerciali fino a Settembre 2021.

 

Guinea Bissau

I collegamenti aerei sono ripresi dal 1 agosto. Vige l’obbligo per chi arriva nel Paese di presentare un certificato di negatività al COVID, con esame effettuato entro le 72 ore precedenti all’ingresso.

Link ufficiale: www.viaggiaresicuri.it/country/GNB

Situazione sanitaria: https://covid19.who.int/region/afro/country/gw

 

Liberia

Viaggi sospesi per ragioni commerciali fino a Settembre 2021.

 

Mali

Viaggi sospesi per ragioni di sicurezza.

 

Marocco

Permane la chiusura dei confini fino al 10 ottobre.

Link ufficiale: www.viaggiaresicuri.it/country/MAR

Situazione sanitaria: https://covid19.who.int/region/emro/country/ma

 

Mauritania

Permane la chiusura dei confini.

Link ufficiale: www.viaggiaresicuri.it/country/MRT

Situazione sanitaria: https://covid19.who.int/region/afro/country/mr

 

Mozambico

Viaggi sospesi per ragioni commerciali.

 

Niger

Viaggi sospesi per ragioni di sicurezza.

 

Sao Tome

Lo spazio aereo del paese è stato riaperto ai voli commerciali. Per l’ingresso nel paese è necessaria la presentazione di un test molecolare RT-PCR, SARS-COV-2, con risultato negativo, effettuato entro 72 ore prima dell’imbarco.

Link ufficiale: www.viaggiaresicuri.it/country/STP

Situazione sanitaria: https://covid19.who.int/region/afro/country/st

 

Senegal

Le frontiere terresti e marittime restano chiuse, mentre sono ripresi i voli commerciali dal 15 luglio. Al momento, le compagnie aeree con destinazione il Senegal possono imbarcare solo alcune limitate categorie di passeggeri in arrivo dall’Italia, sara’ necessaria una autorizzazione rilasciata dall’Ambasciata del Senegal a Roma o dal Consolato generale a Milano. E’ altresi richiesto un test negativo COVID-19 effettuato non oltre sette giorni dalla data di partenza.

Link ufficiale: www.viaggiaresicuri.it/country/STP

Situazione sanitaria: https://covid19.who.int/region/afro/country/sn

 

Sierra Leone

Viaggi sospesi per ragioni commerciali fino a Settembre 2021.

 

Somaliland

Viaggi sospesi per ragioni commerciali fino a Settembre 2021.

 

Sudan

Lo spazio aereo del paese è stato riaperto ai voli commerciali. Tutti i passeggeri diretti in Sudan devono avere un certificato di negatività al test RT PCR per il COVID-19 rilasciato non prima di 72 ore dall’arrivo all’aeroporto di Khartoum.

Link ufficiale: www.viaggiaresicuri.it/country/STP

Situazione sanitaria: https://covid19.who.int/region/emro/country/sd

 

Togo

Permangono chiuse le frontiere terrestri mentre dal 1 agosto è stato riaperto lo spazio aereo. Tutti i passeggeri in arrivo a Lomé hanno l’obbligo di: registrarsi sul sito governativo https://voyage.gouv.tg/ e compilare il formulario almeno 24 ore prima del viaggio; presentare i risultati negativi di un test PCR COVID-19 effettuato meno di 5 giorni prima del viaggio; sottoporsi all’arrivo in aeroporto ad un altro test PCR COVID-19; installare l’applicazione mobile di tracciamento dei contatti. Tutti i passeggeri in partenza da Lomé devono pagare on-line le spese di un test PCR COVID-19 da effettuare presso un laboratorio dedicato dell’aeroporto almeno 72 ore prima del viaggio.

Link ufficiale: www.viaggiaresicuri.it/country/TGO

Situazione sanitaria: https://covid19.who.int/region/afro/country/tg

 

Tunisia

Le Autorità tunisine hanno annunciato la riapertura delle frontiere e la progressiva ripresa dei collegamenti con l’estero a partire dal 27 giugno. A partire dal 28 settembre 2020, l’ITALIA è inserita nella categoria arancione: oltre all’obbligo di presentazione del Test RT-PCR negativo, è previsto l’obbligo di autoisolamento domiciliare tra 7 e 14 giorni.

Link ufficiale: www.viaggiaresicuri.it/country/TUN

Situazione sanitaria: https://covid19.who.int/region/emro/country/tn

Policy aziendale

Voucher

Kanaga Adventure Tours emetterà un voucher, come previsto dalla legislazione d’urgenza, nei casi in cui non sia stato possibile realizzare un viaggio.

La restituzione tramite voucher si rende necessaria poiché è l’unico strumento in grado di offrire la garanzia al viaggiatore a veder riconosciuto il valore monetario del viaggio acquistato.
La richiesta di restituzione del denaro versato non è infatti perseguibile in quanto l’attuale grave situazione di blocco totale della produzione economica, ha portato le aziende ad un significativo arresto di liquidità, conseguente alla mancata operatività.

Peraltro le somme versate dai viaggiatori per l’acquisto dei pacchetti turistici, non rimangono nella disponibilità del Tour Operator, ma vengono impiegate per dare seguito alle richieste di prenotazione e relativo pagamento dei servizi che compongono il pacchetto stesso.

Di fronte quindi alla materiale impossibilità di retrocedere le somme incassate ed utilizzate, i TO mantengono fermi i diritti dei viaggiatori a realizzare il loro viaggio, non appena la attuale situazione di emergenza sanitaria sarà cessata.

I Voucher, sia per le vendite dirette che per quelle tramite agenzia di viaggi, hanno quali beneficiari i viaggiatori indicati nella prenotazione originaria, sono nominativi e non sono rimborsabili, hanno validità per partenze entro un anno dalla data di emissione e sono spendibili sui viaggi di nostra programmazione, l’importo è anche frazionabile su più viaggi.

I voucher emessi in precedenza alla crisi Coronavirus, con scadenza al 31/12/2020, sono prorogati al 30/04/2021.

Per ulteriori informazioni, scrivete a info@kanaga-at.com